In questo articolo

Spesso la contemplazione del suicidio è il risultato di qualcuno che viene sopraffatto da una varietà di circostanze della vita. Se sai cosa cercare ci sono generalmente segni e sintomi che indicano il fatto che un individuo sta contemplando il suicidio. Quali sono i segni e i sintomi? E come dovremmo reagire una volta individuati i segni oi sintomi nei nostri cari o noi stessi?

I sintomi che un individuo sta contemplando suicidio spesso coincidono con quelli della depressione. I sintomi spesso variano e i sintomi depressivi sono curabili. Di solito l'insorgenza dei sintomi è graduale e quindi può passare inosservata. Anche la persona si può assumere che lui o lei è solo la transizione in un “normale fase della vita”, dove le relazioni e le esperienze non sono lunghi come interessante o emozionante come una volta. Questo non è vero.

La depressione e i pensieri suicidi possono essere causati da una varietà di cause, tra cui battute d'arresto o delusioni nella vita, perdita, divorzio o rottura, stress finanziario, malattia medica, storia familiare e genetica, traumi e stress (che vanno dall'essere disoccupati al matrimonio), pessimismo, bassa autostima, condizioni fisiche, condizioni mediche, eccetera. Una di queste cause o una combinazione di più possono contribuire alla depressione perché causano debolezza fisica e stress.

La depressione o i pensieri suicidi possono colpire chiunque. La notizia incoraggiante è che la depressione è molto curabile e che i pensieri suicidi possono essere trasformati in pensieri di speranza. Per scoprire la vostra diagnosi e possibili opzioni di trattamento, parlare immediatamente con il proprio medico.

Non c'è aiuto e speranza a disposizione. Molte persone che vivono con la depressione o pensieri di suicidio cercano di danneggiare se stessi perché credono che stanno “bloccati in questo modo per sempre.” Questo non è vero. Situazioni e circostanze possono cambiare. Le cose andranno meglio. Fare il primo passo decidendo di cercare cure e supporto farà una grande differenza.

Segni da cercare

Quali sono i segnali di pericolo?

Salvare la vita di qualcuno dal suicidio dipende dalla nostra capacità di riconoscere le persone in difficoltà e che potrebbero essere a rischio. L'American Association of Suicidology ha sviluppato un semplice strumento che tutti possono usare per ricordare i segni premonitori del suicidio. This tool is called “IS PATH WARM” and outlines the key points to remember.

  • I – Ideation (pensieri suicidi)
  • S – Substance Abuse
  • P – Purposelessness
  • A – Anxiety
  • T – Trapped
  • H – Hopelessness/Helplessness
  • W – Withdrawal
  • A – Anger
  • R – Recklessness
  • M – Mood changes

Altri segni e comportamenti di cui essere consapevoli e che potrebbero suggerire qualcuno a rischio di suicidio includono, ma non sono limitati a:

  • Espressioni verbali dirette e indirette: “I don’t want to live anymore”, "Non c'è più niente per cui vivere", "Le persone staranno meglio senza di me"
  • Cambiamenti drammatici nell'umore
  • Perdita di interesse per attività precedentemente godute
  • Agitazione
  • Aumento del consumo di droghe e alcol
  • Comportamento a rischio
  • Aggressivo, atti impulsivi e / o violenti
  • Espressioni di disperazione e mancanza di scopo
  • Mancanza di cura di sé o totale negligenza di sé
  • Dormire troppo o troppo poco
  • Sensazione di stanchezza per la maggior parte del tempo
  • Guadagnare o perdere una quantità significativa di peso
  • Cambiamenti nei modelli alimentari e di sonno
  • Ritiro dalla famiglia, amici, e interessi
  • Dare beni in premio e / o fare testamento; riordinare gli affari personali; scrivere appunti; prendere appunti sugli effetti personali
  • Riconnettersi con vecchi amici e famiglia allargata come per dire addio
  • Precedente tentativo di suicidio irrisolto o recente(S)
  • Felicità insolita e pace dopo un intenso periodo di tumulto e mostrando le caratteristiche di cui sopra

Cosa fare: Pronto Soccorso al suicidio

Le seguenti linee guida si basano sulle opinioni degli esperti di un gruppo di consumatori di salute mentale, assistenti e medici dall'Australia, Nuova Zelanda, il Regno Unito, gli Stati Uniti e il Canada su come aiutare qualcuno che potrebbe essere a rischio di suicidio.

Come utilizzare queste linee guida

Queste linee guida sono un insieme generale di raccomandazioni su come puoi aiutare qualcuno che potrebbe essere a rischio di suicidio. Ogni individuo è unico ed è importante adattare il tuo supporto alle esigenze di quella persona. Pertanto, queste raccomandazioni potrebbero non essere appropriate per ogni persona a rischio di suicidio. Anche, le linee guida sono progettate per essere idonee a fornire pronto soccorso nei paesi di lingua inglese sviluppati. Potrebbero non essere adatti per altri gruppi culturali o per paesi con diversi sistemi sanitari.

Ferita autoinflitta

L'autolesionismo può indicare una serie di cose diverse. Qualcuno che si sta facendo del male può essere a rischio di suicidio. Altri subiscono un modello di autolesionismo per settimane, mesi o anni e non sono necessariamente suicidi. Queste linee guida possono aiutarti solo se la persona che stai aiutando è suicida. Se la persona che stai assistendo si sta ferendo, ma non è suicida, please refer to an excellent web resource hosted jointly by the University of Guelph and McGill University.

Chiedere a qualcuno se sono suicidi

Come posso sapere se qualcuno si sente suicida? È importante conoscere i segnali di allarme del suicidio. Le persone possono mostrare uno o più di questi segni, e alcuni potrebbero mostrare segni non presenti nell'elenco precedente.

Se sospetti che qualcuno possa essere a rischio di suicidio, è importante chiedere loro direttamente sui pensieri suicidi. Non evitare di usare la parola "suicidio". È importante porre la domanda senza paura, e senza esprimere un giudizio negativo. La domanda deve essere diretta e puntuale. Per esempio, potresti chiedere:

  • “Stai pensando al suicidio?" o
  • “Stai pensando di ucciderti?”

Se sembri fiducioso di fronte alla crisi suicida, questo può essere rassicurante per la persona suicida.

Anche se alcune persone pensano che parlare di suicidio possa mettere l'idea nella mente della persona, questo non è vero. Un altro mito è che qualcuno che parla di suicidio non è davvero serio. Ricorda che parlare di suicidio può essere un modo per la persona di indicare quanto si sentano male.


Come dovrei parlare con qualcuno che è suicida?

È importante:

  • Di 'alla persona suicida che ti interessa e che vuoi aiutarlo.
  • Esprimi l'empatia per la persona e ciò che sta attraversando.
  • Dichiarare chiaramente che i pensieri suicidi sono spesso associati a un disturbo mentale trattabile, poiché ciò può infondere un senso di speranza alla persona.
  • Spiega alla persona che i pensieri suicidi sono comuni e su cui non bisogna agire.

I pensieri suicidi sono spesso una richiesta di aiuto e un tentativo disperato di sfuggire a problemi e sentimenti angoscianti. Dovresti incoraggiare la persona suicida a parlare per lo più, se sono in grado di farlo. Hanno bisogno dell'opportunità di parlare dei loro sentimenti e delle ragioni per cui vogliono morire e possono provare un grande sollievo nel poterlo fare. It may be helpful to talk about some of the specific problems the person is experiencing. Discutere su come affrontare problemi che sembrano impossibili da affrontare, ma non tentare di "risolvere" i problemi da soli.


Come posso sapere se la situazione è seria?

Primo, devi determinare se la persona ha intenzioni definite di togliersi la vita, o se hanno avuto pensieri suicidi più vaghi come "qual è il punto di andare avanti?’. Per fare questo, devi chiedere alla persona se ha un piano per il suicidio. Le tre domande che devi porre sono:

  1. Hai deciso come ti uccideresti?
  2. Hai deciso quando l'avresti fatto?
  3. Hai preso delle misure per garantire ciò di cui avresti bisogno per realizzare il tuo piano?

Un livello superiore di pianificazione indica un rischio più grave. però, devi ricordare che l'assenza di un piano non è sufficiente per garantire la sicurezza della persona. Tutti i pensieri suicidi devono essere presi sul serio.

Il prossimo, è necessario conoscere i seguenti fattori di rischio extra:

  • La persona sta usando alcol o altre droghe? L'uso di alcol e altre droghe può rendere una persona più suscettibile all'azione d'impulso.
  • La persona ha tentato il suicidio in passato? Un precedente tentativo di suicidio rende una persona più propensa a compiere un futuro tentativo di suicidio o ad uccidersi.

Dall'articolo “Pensieri suicidi & comportamenti, Linee guida di primo soccorso:"The Department of Psychiatry The University of Melbourne AUSTRALIA

Una volta stabilito che è presente il rischio di suicidio, devi agire per mantenere la persona al sicuro.


Come posso mantenere la persona al sicuro?

Una persona che è attivamente suicida non dovrebbe essere lasciata sola. Se non riesci a stare con loro, devi fare in modo che qualcun altro lo faccia. Inoltre, fornire alla persona un contatto di sicurezza disponibile in ogni momento (come una linea di assistenza telefonica, un amico o un familiare che ha accettato di aiutare, o un donatore di aiuto professionale).

È importante aiutare la persona suicida a pensare a persone o cose che le hanno supportate in passato e scoprire se questi supporti sono ancora disponibili. Questi potrebbero includere un medico, psicologo o altro operatore di salute mentale, familiare o amico, o un gruppo di comunità come un club o una chiesa.

Non usare sensi di colpa e minacce per prevenire il suicidio. Per esempio, non dire alla persona che andrà all'inferno se muore per suicidio, o che rovineranno la vita delle persone uccidendosi.


Che dire di aiuto professionale?

Durante la crisi

I professionisti della salute mentale chiedono sempre aiuto professionale, specialmente se la persona è psicotica. Se la persona suicida ha un'arma o si sta comportando in modo aggressivo nei tuoi confronti, devi cercare assistenza dalla polizia per proteggerti.

però, la persona che stai aiutando può essere molto riluttante a coinvolgere un professionista e, se la persona ti è vicina, potresti essere preoccupato di alienarli. Infatti, alcune persone che hanno avuto pensieri suicidi o che hanno pianificato il suicidio ritengono che non sia sempre necessario un aiuto professionale.

Dopo che la crisi è finita

Dopo la crisi suicida è finita, assicurarsi che la persona riceva tutto l'aiuto psicologico e medico di cui ha bisogno. Altre guide di questa serie potrebbero esserti utili per raggiungere questo obiettivo.


E se la persona mi facesse promettere di non dirlo a nessuno?

Non dovresti mai accettare di mantenere segreto un piano per il suicidio. Anche se lo fai, questa è una promessa che non dovresti mantenere.

Fai del tuo meglio

Fai del tuo meglio per la persona che stai cercando di aiutare. Ricorda, anche se, che nonostante i nostri migliori sforzi, alcune persone moriranno comunque per suicidio.